UNESCO accoglie la proposta italiana della Rete Mondiale dei Musei dell’Acqua

Pubblicato da museonavigazione il

Nell’ambito del Programma Idrologico Internazionale (IHP), l’UNESCO ha accolto la creazione della “Rete Mondiale dei Musei dell’Acqua”, un progetto nato nel 2017 grazie alla collaborazione tra Centro internazionale Civiltà dell’Acqua ONLUS, Università Ca’ Foscari di Venezia e l’Ufficio Regionale UNESCO per la Scienza e la Cultura in Europa di Venezia.

Il 15 giugno 2018 il progetto è stato formalmente adottato dal Consiglio Intergovernativo IHP tramite una specifica “risoluzione”, che ha raccolto 20 adesioni di vari Stati di tutto il mondo e infine è stata votata all’unanimità da 36 Stati.

La Rete Mondiale dei Musei dell’Acqua coinvolge ad oggi oltre 60 musei e centri di ricerca in varie parti del mondo con un bacino potenziale di oltre 5 milioni di utenti. Numerosi, infatti, sono i Paesi interessati a sviluppare una “coscienza” dell’acqua per assicurare soprattutto alle giovani generazioni un futuro sostenibile, in linea con gli obiettivi della nuova Agenda di Sviluppo della Nazioni Unite.
I Musei dell’Acqua rappresentano i luoghi in cui si valorizza la ricchezza e l’unicità dell’inestimabile patrimonio “idraulico” dei nostri Paesi, un patrimonio di cultura e conoscenza che costituisce una risorsa fondamentale per affrontare le sfide nel settore idrologico e nella gestione delle risorse idriche che la comunità internazionale è chiamata oggi ad affrontare.
Anche sul tema della “cultura dell’acqua”, l’Italia conferma la sua leadership nella conservazione e trasmissione del patrimonio, tanto materiale che immateriale, alle future generazioni. La Rete italiana dei “Musei” è attualmente composta da 11 membri e, nelle volontà della delegazione permanente dell’Italia presso l’UNESCO, si estenderà in futuro anche alle città d’acqua italiane, le città con rilevante patrimonio idraulico e storico, tangibile e intangibile: oltre a Venezia e alla sua laguna, Milano con i suoi Navigli; Bologna con i suoi canali; Roma con i suoi acquedotti; Comacchio con le saline; Palermo e Napoli con i loro canali sotterranei. Un patrimonio unico che potrà essere valorizzato anche in chiave turistica.

Alla fine del Consiglio IHP, una videoconferenza con i Paesi dell’America Latina ha palesato il forte interesse dimostrato per il progetto, con la potenziale iscrizione alla Rete di oltre cento nuovi musei e realtà differenti.

Anche la Farnesina riporta la notizia, dando così ulteriore rilievo nazionale ed internazionale a questo progetto volto a porre l’acqua come bene essenziale che ci accomuna.

Vai al sito


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

The following GDPR rules must be read and accepted:
This form collects your name, email and content so that we can keep track of the comments placed on the website. For more info check our privacy policy where you will get more info on where, how and why we store your data.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com