Giornata mondiale dell’acqua – 22 marzo 2021

Il 22 marzo è la giornata mondiale dell’acqua, elemento cardine dell’identità del Museo Civico della Navigazione Fluviale di Battaglia Terme.

Noi la celebriamo aderendo, anche quest’anno, al concorso rivolto alle scuole “The Water We Want – l’acqua che vogliamo“, organizzato da Water Museums Global Network (WAMUT-NET), la rete mondiale dei musei dell’acqua, sotto l’egida dell’UNESCO IHP (International Hydrological Program). Per informazioni sulle modalità di partecipazione, clicca sul seguente link.

Il Museo della Navigazione Fluviale fa parte della rete dei Water Museums ed è fortemente impegnato a tutelare l’acqua, in ogni contesto e in ogni modalità di impiego per la salvaguardia dell’ambiente e lo sviluppo dell’umanità. Il tema dell’acqua “impregna”, in ogni parte del mondo, il contesto ambientale, culturale, storico, geografico, artistico, architettonico, sociale, economico, con le sue relazioni e collegamenti.

Oggi, in particolare, ci piace ricordare lo sforzo dell’Iraq in un’area storicamente importante e fortemente critica per gli approvvigionamenti idrici: Baghdad 1st International Water Conference.

Clicca sull’immagine per vedere il video Baghdad 1st International Water Conference.

Il Museo della Navigazione Fluviale trova la sua genesi nei barcari di Battaglia Terme che navigavano lungo le aste fluviali di tutta la pianura padano-veneta, fino anche in Adriatico, a bordo dei burchi (burci), privi di motore, spinti dalle forze del vento (con le vele), della corrente d’acqua (a seconda), delle braccia (remando e parando), degli animali (attiraglio). Dopo gli anni ’50 la modernizzazione e le scelte politiche ha costretto i barcari a motorizzare i barconi o abbandonare l’attività. I barcari (chiamati anche zingari d’acqua per essere continui viaggiatori) avevano un rispetto sacro per le condizioni dell’acqua, ed in particolare proprio dei corsi d’acqua, che erano la loro fonte di vita, per il lavoro e l’alimentazione. Come la vedevano l’acqua i barcari? Riccardo Cappellozza la vedeva così: Aqua come te vede un barcaro ( clicca per leggere).

Arco di Mezzo, Battaglia Terme
Cascata dell’Arco di mezzo
Conca di navigazione

Le vie d’acqua hanno alimentato l’attività economica del trasporto merci su barche, favorendo scambi e ricchezza. L’infrastruttura viaria principale per Battaglia è il canale Battaglia, opera medievale, costruita pensile, per incentivare i collegamenti (un tempo la mobilità principale era per vie d’acqua) fra Padova e Monselice e di conseguenza, alle confluenze, anche fra i Colli e il Mare. I barcari di Battaglia Terme erano importanti imprenditori del trasporto merci, attività attorno al quale si è sviluppata tutta una filiera di mestieri specialisti, dagli squearoli ai cavalanti, e ha anche consentito di far crescere importanti centri di produzione e commercio di merce oggetto del trasporto. Per questo Battaglia Terme è stato un importante complesso porto mercantile fluviale (dopo Venezia e Mantova), e ancora oggi funziona un’opera infrastrutturale di ingegneria idraulica, la conca di navigazione, ascensore idraulico per barche lunghe fino a 35 metri.

Oggi Battaglia Terme è un importante centro di turismo culturale e ambientale, nel cuore delle Meraviglie Euganee, l’area Terme Colli Euganei. È possibile vivere l’esperienza dell’acqua in tutte le sue forme, grazie alle proposte del Museo della Navigazione Fluviale. Per aderire alle prossime iniziative in barca, cliccate sull’articolo Navighiamo con il MUBA!

Per informazioni e prenotazioni:

info@museonavigazione.eu

tel. 049525170

Siti web e Agenzia Comunicazione Padova Accademia del barman - Corsi per Barman, Corsi Bartender